Un sogno reale... il mio Olio extra vergine di oliva

Esperienza in concorso

Esperienza

L’esperienza che propongo è alimentata dal desiderio di far conoscere e insegnare come si degusta e cosa andiamo a cercare in un olio extra vergine di oliva. Tanto si parla di vino ma poco di Olio. Nel mio piccolo, a chi è interessato, propongo l’assaggio dell’olio. Partendo dall’oliveto gli spiego che le piante non sono tutte uguali, ho cultivar diverse, che a sua volta si comportano in modo similare ma raggiungono le giuste maturazioni in tempi diversi, tanto che si possono realizzare oli monocultivar. Dall’oliveto si entra nel laboratorio dove ho il frantoio e gli spiego tutti i passaggi della lavorazione per poi arrivare alla degustazione vera e propria. Distribuisco un pochino di olio in bicchierini di plastica opachi e chiedo agli assaggiatori di appoggiarli sul palmo della mano e di girarli in modo da poterli riscaldare fino all’ipotetico raggiungimento di una temperatura simile a quella corporea, mentre con l’altra mano li invito a tenerli chiusi. Dopo portiamo il bicchierino all’altezza del mento, si toglie la mano che funge da tappo, e si inspirano i “profumi”, ovvero il fruttato. Se chiudono gli occhi e si concentrano riescono a sentire molte cose (erba verde, carciofo, edera, mandorla……); prima ascolto i commenti e poi cerco di guidarli e ci confrontiamo. Si passa poi all’assaggio vero e proprio: si spalma l’olio sulla lingua e si sbatte sul palato inspirando contemporaneamente dell’aria dai lati della bocca, si ferma la lingua e ….si apre il mondo dell’olio. I pareri che raccolgo sono molti e vari. Gli spiego che per questo esistono dei panel test che si occupano di assaggiare e dare un valore all’olio…un pò come i sommelier nel mondo del vino, questi sono i sommelier dell’olio. Vengono riempite delle schede dove si stabilisce se l’olio è extra vergine di oliva (senza difetti), che tipo di fruttato (più o meno intenso) se prevale l’amaro o il piccante o sono assenti o equilibrati e per finire si annotano le note di sentore rilevate. Quello che generalmente tutti facciamo è lasciarsi influenzare dal colore. Spiego che quella è l’ultima nota da osservare ma non mi dissocio dal fatto che anche io, malgrado tutto, ne resto condizionata.

La Struttura

Sono un’azienda agraria biologica appoggiata su un fianco del colle di Montalcino. Collaboro con la mia proprietaria per offrire agli uomini dei prodotti freschi e genuini. Lei si prende cura di me, mi osserva, mi alimenta, mi nutre con sostanze naturali e mi parla…non sempre ci intendiamo ma cerchiamo punti di incontro. Io la ripago con la produzione delle olive, che a lei piacciono tanto, dello zafferano e frutti vari da cui ricava delle marmellate o le offre al naturale agli ospiti dell’agriturismo. Parte della mia superfice è coltivata a vite per la produzione del Brunello ma lei, la mia padrona, ha deciso di non occuparsene e l’ha affittata a terzi. C’è poi una struttura per gli ospiti a cui piaccio tanto. Si, sembra strano ma quando arrivano mi guardano e perdono lo sguardo verso il proseguo della Val D’Orcia e ..meravigliati dicono sospirando: che belloooo…sembra un quadro dipinto. Alla mia padrona piace molto l’olio extra vergine di oliva tanto che ha realizzato un piccolo frantoio non solo per se ma anche per altri piccoli produttori. La mattina con l’aiuto di altre persone, inizia la raccolta delle olive e appena raggiunge la quantità adatta inizia la frangitura, è così felice e assorta nella produzione che è lei stessa a svolgere la lavorazione. Devo dirlo, ci mette anima e corpo.

Struttura

Az. Agraria Agriturismo La Casella

Tipo di Struttura

Attività

Regione

Città

Indirizzo

Loc. Casella

Sito web

Numero di telefono

3483530320

Lingua

Contatta la struttura per maggiori Informazioni

Prezzi

da € 0 a € 10

Info e Prenotazioni

Scrivere a: [email protected] oppure contattare telefonicamente al 3483530320 / 0577834552

Importante

La valutazione personale non corrisponde al voto per il Concorso Nazionale Città dell’Olio. Per votare l’iniziativa ai fini del concorso è necessario registrarsi (vedi Regolamento) e cliccare sull’apposito pulsante in alto a destra.