L'olio nei sassi di Matera: tecnologie, qualità e vita quotidiana in un frantoio ipogeo

Esperienza in concorso

Esperienze

L’esperienza si basa su una visita al MOOM (museo dell’olio di oliva di Matera) che inizia con la descrizione del quartiere e del motivo della presenza di un frantoio in quella zona. Successivamente si passa alla descrizione dei lavori di recupero dell’opificio e delle principali caratteristiche di un frantoio ipogeo. La vita dei frantoiani e le operazioni svolte nel museo sono al centro del percorso che permette, tramite accensione successiva di luci, di rivivere le condizioni di lavoro nel frantoio. La macina, i torchi, i pozzetti di decantazione e le nove vasche sono al centro del percorso di visita, al quale si affianca la spiegazione della vita di Peppino Mitarotonda (artista Materano) e delle ceramiche create in esclusiva per il museo che raffigurano le differenti fasi di produzione dell’olio. Inoltre, il recupero di un dipinto su parete fatto con colori naturali e difficilmente databile arricchisce la visita. Al termine del percorso nell’ipogeo si passa alla sala superiore (anticamente deposito di olive e attualmente zona degustazione) per la spiegazione relativa alla qualità dell’olio e importanza dell’analisi sensoriale. Il MOOM è a stretto contatto con l’az. agr. L’Uliveto di Como Donatella la quale, gestita dalla stessa famiglia del proprietario del museo, permette in base ai periodi di effettuare una visita nell’uliveto o provare (per i bambini) a spremere le olive con un torchietto e vedere la separazione olio/acqua

La Struttura

Il MOOM è il museo dell’olio di oliva di Matera, realizzato in un antico frantoio ipogeo situato nel sasso caveoso. L’impresa è registrata come ditta individuale presso la camera di commercio di Matera con codice ATECO 91.02 (attività di musei). È gestito direttamente dai proprietari che hanno recuperato l’opificio del 1600 grazie a due anni di lavori di restauro. Gli stessi proprietari accompagnano i visitatori effettuando la descrizione delle attrezzature e del percorso di recupero, delle tecnologie di estrazione antiche e moderne e dell’importanza delle caratteristiche nutrizionali dell’olio extravergine di oliva. La sala superiore è adibita a sala degustazione. Le visite sono effettuate grazie alla presenza di personale specializzato in italiano e in inglese. Il proprietario è un tecnologo alimentare e assaggiatore di olio iscritto alla camera di commercio di Matera. Appassionato di ricerca (svolge dal 2014 attività di ricerca nel settore dell’innovazione di alimenti presso differenti Università italiane) ha dal 2009 al 2017 condotto un’azienda agricola per la produzione di olio evo bio. L’olio prodotto è stato recensito sulle principali guide del settore (Slow Food, Gambero Rosso, La Repubblica). È attualmente anche ispettore in agricoltura biologica. Il padre, medico chirurgo e ideatore del museo, è da sempre impegnato nella divulgazione dell’importanza dell’alimentazione per la prevenzione di patologie e collabora attivamente a tutte le attività del museo.

Struttura

MOOM Museo dell'Olio di Oliva di Matera

Categoria della Struttura

Esperienze

Regione

Città

Indirizzo

Vico I Casalnuovo 3, Matera (MT) – 75100

Email

info@moom.bio

Sito web

Numero di telefono

3807015042

Prezzi

5 euro (prezzo intero), 4 euro (prezzo ridotto per persone tra 6 e 18 anni e convenzioni)

Info e Prenotazioni

Ci si può prenotare direttamente dal modulo presente sul sito (https://www.moom.bio/language/it/prenota-la-tua-visita/) o inviando una mail a info@moom.bio o contattando il 3807015042 (anche whatsapp)

Geolocalizzazione

40.6615253, 16.6116499

Come Raggiugerci

Da piazzetta Pascoli arrivare in via Casalnuovo e continuare per circa 400 metri. Svoltare a sinistra su vico San Leonardo e successivamente a destra in vico I Casalnuovo. Il MOOM è al numero 3.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Importante

La valutazione personale non corrisponde al voto per il Concorso Nazionale Città dell’Olio. Per votare l’iniziativa ai fini del concorso è necessario registrarsi (vedi Regolamento) e cliccare sull’apposito pulsante in alto a destra.