Museo dell'olio della Sabina: il dialogo sottile tra l’arte contemporanea e la tradizione olivicola

Esperienza in concorso

Esperienze

Suoni e timbri, simboli e linee, luci ed ombre, poesie e parole; qualificano il Museo dell’olio della Sabina. Il dialogo sottile di un incontro, tra l’arte contemporanea e la tradizione olivicola. La goccia di olio dorata, segna e svela il linguaggio universale dell’arte partendo dalle menti che lo hanno creato. Lega e scrive intrecci e nodi di Maria Lai, fonde sezioni in bronzo di olivo con Alik Cavaliere, capovolge il dritto con il rovescio di Hidetoshi Nagasawa, avvolge con note di olio, il ritmo di Gianandrea Gazzola e ancora si propaga come un eco la voce soave di Ille Strazza nel sito cultuale di San Donato. L’arte e la tradizione si fondono insieme lasciando immergere il visitatore nella narrazione. Sommerso da immagini svelate nel buio, saprà ricevere dalle opere d’arte risposte, sciogliere i nodi, intrecciare legami, porsi delle domande, vedere da angolazioni e punti di vista diversi, conoscere l’incanto e raggiungere le corde del cuore. A guidarlo un operatore museale, voce narrante della visita guidata, parte integrante del museo, che avrà il compito di accompagnare il visitatore e di renderlo il vero protagonista. Il protagonista, non solo degli ambienti interni del museo ma al di fuori, tra i vicoli storici, nel cuore del borgo di Castelnuovo di Farfa (RI) fino alle campagne, distinte da innumerevoli piantagioni di ulivo e ancora spingersi verso il Monumento Naturale Gole del Farfa, la Chiesa altomedievale di San Donato e il “Giardino degli Ulivi del mondo”. Immancabile la degustazione di pane e olio extra vergine di oliva DOP prodotto dalle Aziende limitrofe locali. Un’ esperienza sensoriale attiva e dinamica, dove l’olio è arte, sacrificio, gusto, luce e sacralità.

La Struttura

Il Museo dell’olio della Sabina, inaugurato il 7 aprile 2001, celebra l’antica civiltà dell’olio e dell’ulivo attraverso l’arte contemporanea. Il museo riunisce in un unico itinerario di visita i luoghi più rappresentativi della storia e delle tradizioni del borgo medievale di Castelnuovo di Farfa. Il visitatore viene accolto dagli operatori museali nello storico Palazzo Perelli, risalente al XVI sec., oggi sede del Municipio per proseguire nell’antica mola a trazione animale del XVIII sec., continuare nel borgo, tra i vicoli del paese fino a raggiungere l’antico forno cittadino e infine il sito archeologico medievale per ammirare la Chiesa di San Donato.

Struttura

Museo dell'olio della Sabina

Categoria della Struttura

Esperienze

Regione

Città

Indirizzo

Viale Regina Margherita, 02031, Castelnuovo di Farfa (RI)

Email

museoliosabina@gmail.com

Sito web

Numero di telefono

Tel. 0765-36370 Cell. 346-8187972

Prezzi

Contatta la struttura per maggiori Informazioni

Info e Prenotazioni

Per Info e prenotazione: Tel: 076536370 Cell: 346.8187972 E-mail: museoliosabina@gmail.com

Geolocalizzazione

42°13'54.0"N 12°44'29.2"E

Come Raggiugerci

Contatta la struttura per maggiori Informazioni

Importante

La valutazione personale non corrisponde al voto per il Concorso Nazionale Città dell’Olio. Per votare l’iniziativa ai fini del concorso è necessario registrarsi (vedi Regolamento) e cliccare sull’apposito pulsante in alto a destra.